LA CLIVIA (Mauro Montalto)


La Clivia
A febbraio ancor fiorita
Riempie la tua stanza
Di colore donando
Una pace infinita

Quella pianta
Dal color raffinato
porta il ricordo
Di un gentile passato
Ora solo un segno
Di nostalgia perenne
Come un chiodo piantato
Che fa sanguinar
Cuore e mente

La Clivia
Testimonia la tua presenza
Rendendone più angosciante
L’attuale assenza

Vivo così
Con l’inconsapevole rimorso
Di non aver potuto evitare
Ciò che avrei dovuto capire