monica


L’ umano senza la propria storia. Teso all’apparire adeguato al tempo. Si decora con orpelli, si autoritrae fino a rasentare la perfezione. Distorce il reale celandosi dietro muri fosforescenti. Attirato dal facile ottenere senza una sola goccia di sudore. Corre, si affanna, si destreggia in ogni ambito perdendone il godimento. […]

EFFIMERO (di Monica Portatadino)


Tra pochi giorni andrò in pensione ed ora in ufficio mi hanno parcheggiato in un cantone come un vecchio scatolone. Attendo il giorno e l’ora come un condannato ma non mi sento uno straccio trasandato. Non faccio feste non apro bottiglie comincio un’altra vita apro a nuove meraviglie. Quant’anni son passati […]

LA PENSIONE (di Mauro Montalto)





Il pallido sole di dicembre riscalda le corte giornate invernali  mentre la tenue luce del giorno si posa sul volto di tua madre donandole per un attimo quella delicata bellezza ormai persa col tempo. La nebbia che la padana pianura silente ricopre come sottile telo viene trafitta  dalle lame di luce del […]

DICEMBRE (di Mauro Montalto)






Costruirò  un aereo fatto di fantasia per volare sopra le nubi per incontrarti e starti più vicino Voglio riempire i miei occhi della tua luce spariranno le rughe col tuo sorriso e riempiremo le scarpe di nuovi passi  facendo scricchiolare  foglie vermiglie  che libereranno  nell’aria fresca d’inverno il loro canto […]

COSTRUIRO’ (di Mauro Montalto)







Cosi come il pescatore Seduto  sulla riva A fianco della barca Intento a riparar le reti Cosi pure io Allo stesso modo Riparo le ferite Della mia vita Che come buchi profondi Lacerano  la persona Nell’animo e nello spirito Sebbene  avvilito Per il torto subito Ancora con fiducia Volgo lo […]

IL PESCATORE (di Mauro Montalto)





Profumo antico di polenta cotta lentamente sul fuoco del camino. Alle finestre colori d’autunno dipinti magistralmente da madre natura. Raggi caldi interrompono a tratti l’aria frizzante di inizio ottobre. Sul dondolo riscaldata dalla coperta di soffice lana rossa rileggo pagine di vita passata. Tu appari d’improvviso nel presente…. porgendomi una […]

LA TERZA STAGIONE (di Monica Portatadino)


Dal terrazzo del Borgo Osservo il lento e costante Intercedere del  Pavese Fiume Che ti ha visto nascere E crescere nei tuoi momenti Di persona stupenda e capace Di interpretare la vita Fino all’ultimo dei tuoi giorni. Cosi anche nel giorno più nero Ho chiesto al mio cuore e al […]

DAL TERRAZZO (di Mauro Montalto)




Come la barca ferma e sicura taglia le fresche e torbide acque del fiume a te caro. Così la barca della mia vita solca le acque del tempo andato lasciandosi dietro il passato da tristi ricordi travagliato L’immagine che nell’acqua si riflette ricorda somiglianti le tue sembianze giovani e perfette. Ancora […]

LA BARCA (di Mauro Montalto)


Il tempo misura il nostro fragile tempo i nostri giorni trascorsi nell’inutile corsa nel perseguire ostinatamente stolti traguardi di una vita dalla felicità illusoria. Il tempo guarisce i nostri mali le nostre ferite lenisce i rancori. Il tempo come giudice sovrano guida i nostri incerti passi nelle scelte che condizionano il […]

TEMPO DI VIVERE (di Mauro Montalto)


Vorrei…. scrutare l’orizzonte sgombro dalla densa bruma d’autunno, distinguendo i dettagli…. decifrare l’inchiostro mentre si dipana in armoniche locuzioni…… ammirare il primo mattino privo di filtri grigio scuro, che ne deturpano la meraviglia…. vedere il mondo, terso e variopinto come fosse il primo giorno.

VIDERE (di Monica Portatadino)




Non voglio più urlare sono stanco di perdere la pazienza, voglio solo ascoltare la mia anima e la mia coscienza. Non voglio più fare a cazzotti con la vita mi lascerò trasportare come una barca nella sua onda. Aspetterò un’alba nuova, una nuova luce di un nuovo giorno, il fiume […]

TEMPO FUTURO (di Mauro Montalto)




La città è semideserta le serrande abbassate il caldo di metà agosto rimbalza sull’arido asfalto. Cammino attraverso il silenzio intercettando brandelli d’ombra, inspirando brevi afflati di vento. L’animo gode della tregua, pochi giorni ancora mi separano dal molesto chiasso di logorante consuetudine.

FERIAE AUGUSTI (di Monica Portatadino)


Respirerò a pieni polmoni la frizzante aria marina che dall’onda si sprigiona, ricordando così quei giorni felici in cui inondavi il mio viso con i tuoi dolci sorrisi. Sei come una barca che veleggia  nel mare del mio cuore,  una barca sicura che mai potrò dimenticare.

IL MARE (di Mauro Montalto)


Necessita un intervento radicale,  un riallineamento astrale. Disintegrando un precario scenario, surrogato esistenziale di troppi compromessi. Scaverò nuove fondamenta su cui erigere una presa di coscienza che appartenga a me soltanto e non all’ingrato prossimo traboccante supponenza

TRASMUTAZIONE (di Monica Portatadino)




Le bionde spighe del padano frumento maturano in seno al sole di luglio il frutto del seme fecondo. Così pure  l’amor per te come pianta rigogliosa cresce e matura giorno per giorno trovando alimento nel cuor mio gioioso e profondo. Nude e spoglie le nostre anime sono come corpi che […]

SILENZIO (di Mauro Montalto)


Cespugli di oleandri in fiore ondeggiano in giardini siculi d’agosto al crudo vento marittimo come in una sorta di profumata danza In questo rosso tramonto sebbene io avverta la tua presenza  che mi guida come Angelo dominante l’infinito, voglio dedicarti questa immagine dipinta come un quadro,  a dimostrar la tua […]

TRAMONTO (di Mauro Montalto)